è uscito il libro #quellache!

La prima idea mi è venuta in occasione della mostra a Firenze nel dicembre 2018.

Io credo che l’arte possa assumere aspetti diversi, anche nello stesso artista, a seconda del momento, del periodo che vive. A volte può essere più disimpegnata, intimista, anche puramente decorativa. Altre volte invece si sente la necessità di lanciare un messaggio , di indossare un abito più sociale. 

Ma oltre al messaggio sociale, insito in questo progetto, ho pensato che in questa occasione l’arte potesse unirsi a qualcosa di molto pratico e utile, visto che si tratta di una mostra che parla di donne: una raccolta fondi a sostegno della ricerca per i tumori mammari.

Voglio quindi  ringraziare Roberta Romani, ovvero Mamy Roberta, la mamma di Anna Lisa Russo. Solo poche settimane fa ho avuto l’idea di includere Anna Lisa tra le mie donne. Ho chiamato Roberta, che non conoscevo di persona, e lei ha accettato con entusiasmo. 

Con questo libro non volevo fare una cosa fine a se stessa, per questo ho deciso di stampare una prima serie di 100 copie numerate e firmate,  e adornate col fiocco rosa della ricerca contro il tumore al seno e di venderle  per devolvere il ricavato all’associazione annastaccatolisa, associazione nata nel 2011 a Montecatini Terme, pochi mesi dopo la scomparsa di Anna Lisa, che si occupa di raccolta fondi per la ricerca, per istituite borse di studio e di informazione. Anna Lisa con il suo carattere aperto, estroverso, estremamente socievole e sociale come con il suo blog e poi il suo libro hanno dimostrato ha spazzato via diversi stereotipi nella sua vita e avrebbe sicuramente apprezzato la condivisione di esperienze e storie di donne. Quindi grazie anche a chi ha acquistato il libro, contribuendo così alla raccolta che è arrivata a € 550.

Ho deciso poi di pubblicarne una versione rivisitata in modo indipendente su Amazon (altri editori seguiranno a breve) in modo da poter liberamente aggiornare e incrementare.

71 pagine, 24 storie vere di donne contro i pregiudizi gli stereotipi, i loro ritratti, altri contributi e racconti miei e di altre donne.

Spero che vi siano d’ispirazione!

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *