le donne sono brave maestre, gli uomini sono bravi docenti universitari

L’insegnamento è considerato tra i lavori di cura e quindi femminile. Almeno fino ai gradi inferiori…

Pensate che non vi riguardi?
“La conseguenza della femminilizzazione della scuola” – spiega Barbara Mapelli, docente di pedagogia delle differenze all’Università Bicocca di Milano- è che vengono meno figure maschili autorevoli di riferimento che sarebbero importanti per i bambini e per i ragazzi che in genere hanno come unico parametro il padre, spesso assente. Inoltre molti di loro vivono la scuola come un luogo di donne, dalle quali mantengono un certo distacco e diffidenza.”
D’altra parte un uomo maestro all’asilo è visto sempre con un certo sospetto, è evidente il pregiudizio di genere…
Le donne nelle scuole sono il 79% del corpo docente. Una percentuale che sale fino a quasi il 100% nelle scuole dell’infanzia, al 95% nella scuola primaria e all’85% nella scuola secondaria di primo grado. La situazione cambia nella scuola secondaria di secondo grado dove le professoresse rappresentano in media il 59% .
Ma negli atenei la piramide si ribalta: i rettori donna in Italia sono solo 5 su 78.
“Si tratta di un’anomalia che va di pari passo con quella di altri settori considerati di “prestigio” e che è difficile da spiegare dato che, almeno in teoria, si dovrebbe passare di livello con concorsi pubblici che dovrebbero premiare i migliori. E sulla carta, stando anche alle statistiche, le donne hanno voti più alti e più titoli”.
Un fatto “strano” che un po’ si spiega con ciò che il Rettore della Normale di Pisa Vincenzo Barone ha dichiarato in questi giorni…
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *