Mont Saint-Michel

Attraverso la distesa di sabbia della bassa marea, appare all’esterno come un sogno dipinto da Dalì.

Entri dentro e vieni catapultato in un labirinto di centinaia di scalini Escheriani.

Non c’era posto per costruire una chiesa lassù, su quello sperone roccioso nel nulla. Ma mura larghe sei metri e cripte con fitte colonne romaniche addossate alla sommità rocciosa fanno da base alle estremità delle navate e delle volte gotiche e ai refettori e al chiostro e ancora scale e finestre …

Neppure gli inglesi ce l’hanno mai fatta ad entrare in questa roccia monumentale scolpita nell’oceano, che la marea accarezza due volte al giorno, tutti i giorni, da 1000 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *