Quella che è un’arpia

arpia
Quella che è un’arpia

Io sono quella che è un’arpia

Spesso mi dicono “beata te!”
Sì, perché io sono quella che è alta, bionda, occhi azzurri, e quindi automaticamente leggera e disponibile.
Sono quella che lavora per passatempo e non ha problemi.
Eppure la mia storia racconta un’altra cosa ed è piena di ottimi risultati. Ho tanti interessi, sono creativa, ironica, ho pazienza, memoria, costanza e tanta velocità di sintesi. Insomma, capisco e lo dimostro in ogni occasione. Naturalmente ho un carattere indipendente, e questo non piace. Affermare il mio modo di essere diventa scomodo per chiunque, donne e uomini.
Da donna fortunata passo a essere una bastarda, una stronza, un’arpia.
Prima ero una “bionda” e poi divento una “strega maledetta”.
Oggi, nel gioco dei pregiudizi, io voglio essere quella che vola sopra, e osserva, si gode la vista e la libertà.
E in un attimo, sono in picchiata come un’arpia.

Ilaria Maltinti, nata nel 1964, sceglie di seguire la grande passione per i gioielli e frequenta e a soli venti anni fonda, a Poggibonsi, “La Bottega Orafa”, laboratorio e gioielleria e inizia a creare gioielli esclusivi. Svolge anche attività di designer orafo in collaborazione con numerose associazioni, partecipa a esposizioni volte a promuovere l’arte del gioiello contemporaneo e successivamente inizia a tenere docenze di storia del gioiello e progettazione orafa. I suoi gioielli sono stati esposti in tutto il mondo e pubblicate su prestigiose riviste di settore, e numerosi sono i riconoscimenti nel settore dell’Artigianato Artistico. Oltre a essere “un’esperta” di gioielli, è appassionata di arte contemporanea, di tutto ciò riguarda moda e costume e della musica del Red Hot Chili Peppers.